Skip to content Skip to footer

Gli affondi sono un esercizio di allenamento per il corpo inferiore ampiamente riconosciuto per la sua efficacia nel tonificare i muscoli delle gambe e dei glutei.

Questo movimento composto coinvolge diverse articolazioni e gruppi muscolari, rendendolo una scelta eccellente per chi desidera sviluppare forza, stabilità e resistenza negli arti inferiori.

In questo articolo, esploreremo la corretta esecuzione degli affondi, i muscoli coinvolti e gli errori comuni da evitare.

affondi

Corretta esecuzione degli affondi

Per eseguire correttamente gli affondi, segui questi passaggi:

  1. Posizione iniziale: inizia in piedi, con i piedi allineati alla larghezza delle spalle. Mantieni la schiena dritta e rilassa le spalle.
  2. Passo in avanti: fai un passo in avanti con una gamba, mantenendo il busto eretto.
  3. Flessione delle ginocchia: piega entrambe le ginocchia per abbassare il corpo verso il pavimento. Assicurati che il ginocchio della gamba anteriore sia allineato al tallone, evitando che si spinga oltre la punta del piede.
  4. Profondità dell’affondo: continua a scendere fino a quando il ginocchio posteriore quasi tocca il pavimento o arriva ad una posizione in cui la coscia sia parallela al suolo.
  5. Ritorno alla posizione iniziale: spingi attraverso il tallone della gamba anteriore e solleva il corpo, tornando alla posizione eretta.
  6. Ripeti: completa il numero desiderato di ripetizioni su un lato, quindi cambia gamba per bilanciare l’esercizio.

Muscoli coinvolti

Come accennato prima, gli affondi coinvolgono diversi gruppi muscolari del corpo inferiore, tra cui:

  1. Quadricipiti: i quadricepiti femorali, situati nella parte anteriore della coscia, sono i principali responsabili dell’estensione del ginocchio durante l’affondo.
  2. I muscoli glutei: il gluteo massimo, il gluteo medio e il gluteo minimo vengono tutti attivati durante l’affondo per fornire stabilità e forza.
  3. Muscoli ischiocrurali: i muscoli ischiocrurali, noti anche come i muscoli posteriori della coscia, lavorano per stabilizzare il ginocchio durante il movimento verso il basso e aiutano nella risalita.
  4. Muscoli polpacci: i muscoli del polpaccio, noti come gastrocnemio e soleo, partecipano al mantenimento dell’equilibrio durante l’esecuzione degli affondi.

Varianti

Ci sono diverse varianti degli affondi che possono essere utilizzate per aumentare la sfida e la varietà dell’esercizio. Ecco alcune delle varianti più comuni degli affondi:

  1. Affondi laterali: invece di fare un passo in avanti, fai un passo verso il lato con una gamba, piegando il ginocchio e abbassando il corpo. Questo movimento si concentra sui muscoli dell’anca e delle cosce lateralmente.
affondi

2. Affondi inversi: invece di fare un passo in avanti, fai un passo all’indietro con una gamba e piega il ginocchio per abbassare il corpo. Questa variante coinvolge principalmente i muscoli dei glutei e dei muscoli posteriori della coscia.

3. Affondi statici: in questa variante, mantieni la posizione di affondo per un periodo di tempo più lungo invece di fare ripetizioni. Ciò richiede una maggiore stabilità e resistenza muscolare.

4. Affondi con salto alternato: inizia dalla posizione di affondo e spingi attraverso il tallone per sollevarti in un piccolo salto. Durante il salto, scambia la posizione delle gambe in modo che quella che era dietro sia ora davanti. Questo aggiunge un elemento di lavoro aerobico e può aiutare ad aumentare la potenza delle gambe.

5. Affondi con manubri: puoi eseguire gli affondi tenendo un manubrio o un kettlebell in ciascuna mano. Questo aggiunge resistenza supplementare e richiede un maggiore coinvolgimento dei muscoli stabilizzatori.

6. Affondi su superfici instabili: eseguire gli affondi su una superficie instabile come un tappetino per esercizi o un bosu può aumentare l’attivazione dei muscoli stabilizzatori e migliorare l’equilibrio complessivo.

Ricorda sempre di eseguire le varianti degli affondi con la corretta tecnica e di adattare l’intensità in base al tuo livello di fitness e alle tue capacità.

Errori frequenti negli affondi

Molte persone commettono errori comuni durante l’esecuzione degli affondi, che possono compromettere l’efficacia dell’esercizio e aumentare il rischio di infortuni.

Ecco alcuni errori da evitare:

  1. Inclinazione del busto in avanti: evita di piegare eccessivamente il busto in avanti durante l’affondo, poiché questo può mettere pressione sulla colonna vertebrale e ridurre l’attivazione dei glutei. Mantieni il busto eretto durante tutto il movimento.
  2. Ginocchio oltre la punta del piede: quando esegui l’affondo, assicurati che il ginocchio della gamba anteriore rimanga allineato al tallone, evitando di farlo sporgere oltre la punta del piede. Questo aiuta a proteggere le articolazioni del ginocchio.
  3. Profondità eccessiva: anche se una profondità maggiore può aumentare l’intensità dell’esercizio, assicurati di non abbassarti troppo, poiché questo può mettere una tensione eccessiva sui muscoli e le articolazioni.
  4. Mancanza di controllo: esegui gli affondi in modo controllato, evitando movimenti bruschi o scatti. Concentrati sulla stabilità e sull’equilibrio durante tutto il movimento.
  5. Passo troppo ampio o stretto: cerca di mantenere una lunghezza del passo adeguata. Un passo troppo ampio può mettere pressione sulle articolazioni del ginocchio, mentre un passo troppo stretto può ridurre l’efficacia dell’esercizio.

Gli affondi: un esercizio completo per tonificare i muscoli inferiori - dotfitness